TB_leadership2

Il governo talebano: tra insidie, minacce, ambizioni e fragilità

Tra precari equilibri di potere e la pretesa di sostegno della Comunità internazionale

di Claudio Bertolotti

I talebani hanno annunciato la composizione del loro governo che, con grande attenzione alla data prescelta, si insedierà l’11 settembre 2021, a vent’anni esatti dai tragici eventi che portarono alla guerra in Afghanistan. Sarà guidato dal mullah Mohammad Hassan Akhund.

Un governo provvisorio composto esclusivamente da uomini – il che non sorprende – molti appartenenti alla vecchia guardia, già al governo dal 1996 al 2001, e veterani della guerra ventennale contro gli Stati Uniti e la NATO. Si tratta di una soluzione che soddisfa i principali gruppi nelle varie shura, in particolare quella di Quetta guidata dal malawì Hibatullah Akhundzada che ha due bracci destri. Sirajuddin Haqqani, scelto come ministro degli interni di cui più oltre si parlerà, e il mullah Mohammad Yaqoob, figlio del fondatore dei talebani mullah Omar, scelto come ministro della Difesa: un soggetto definito riformista il cui nome si impose tra i leader talebani nel 2015, quando il movimento era frantumato e indebolito dalle lotte intestine conseguenti alla morte del mullah Omar e all’elezione, non da tutti condivisa, del suo successore, il mullah Mansour; quest’ultimo per due anni aveva tenuto nascosta la morte del Mullah Omar ma poi, per trovare legittimità del suo ruolo politico, si strinse al mullah Yaqoob e a Sirajuddin Haqqani. Mansour, si dice a causa di un regolamento di conti interno e perché troppo autonomo rispetto al Pakistan, venne ucciso in un raid aereo americano nel 2016; Akhundzada, nella riorganizzazione del movimento talebano, decise di confermare Sirajuddin e Yaqoob nel ruolo di “vice”. Anche il primo ministro, il mullah Mohammad Hassan Akhund, è una vecchia conoscenza della galassia talebana e tra gli elementi politici di spicco del periodo 1996-2001, quando ricopriva l’importante ruolo di ministro degli Affari esteri. Di fatto una composizione di governo che, nelle posizioni apicali, tutelerebbe gli equilibri tra la vecchia guardia (Baradar-Hassan) e la nuova generazione (Haqqani-Yaqoob)

Scelte, quelle fatte dai talebani, che però renderebbero difficile un riconoscimento internazionale, quale necessaria premessa a un’apertura dei canali finanziari che eviterebbe (o posticiperebbe) un tracollo economico. Tracollo economico a cui i talebani guardano con grande preoccupazione e che, senza pudore, pretendono sia evitato dalla Comunità internazionale alla quale chiedono, attraverso la voce di Alhaj Khalil-ur-Rehman, il capo del consiglio di pace talebano, che vengano sbloccati i 10 miliardi di dollari, congelati dagli Stati Uniti dopo la caduta della Repubblica islamica dell’Afghanistan, e che siano rispettati gli impegni a sostenere economicamente il Paese sino a tutto il 2024.

Guardando più nel dettaglio alla composizione del governo ad interim dell’Emirato islamico, essa rispecchia gli equilibri di potere della galassia talebana e ne evidenzia la natura teocratica e la composizione tribale, poiché le nomine più importanti sono state riservate a “religiosi” (mullah) appartenenti alle tribù pashtun Durrani e Ghilzai mentre è assente una rappresentanza significativa degli altri gruppi etno-politici dell’Afghanistan: tagiki, uzbeki e hazara in particolare. Due i rappresentanti dell’etnia tagika e un solo uzbeko: una scelta che contrasta con l’auspicata inclusività e con la stessa composizione etnica della popolazione afghana, composta al 65 percento da non pashtun, in maggioranza tagiki, hazara, uzbeki, turkmeni, aimaqi, ecc. Un fatto, questo, che creerebbe ulteriore distanza tra i numerosi gruppi componenti la galassia talebana, in particolare i talebani tagiki e uzbeki del nord che hanno combattuto per i talebani e che potrebbero pretendere una maggiore rappresentanza a livello governativo e istituzionale.

E se, da un lato, sono esclusi anche i liberali pashtun, dall’altro lato, molti tra i futuri ministri e sottosegretari sono presenti nelle liste dei maggiori ricercati dagli Stati Uniti e dalle Nazioni Unite in quanto terroristi: 33 membri del gabinetto e alti dirigenti talebani sono su quelle blacklist, almeno quattro i ministri su cui pende un mandato di cattura dell’FBI statunitense.

Il primo tra tutti, nominato ministro degli interni, è Sirajuddin Haqqani – braccio destro di Akhundzada e a capo della famigerata Haqqani network (responsabile dei più feroci attacchi suicidi compiuti a Kabul negli ultimi 16 anni) e con stretti legami con al-Qa’ida – ricercato dal governo Usa e con una taglia pendente di cinque milioni di dollari. Insieme a lui, altri tre componenti della famiglia Haqqani sono stati nominati ministri del nuovo regime talebano: Abdul Baqi Haqqani, all’istruzione, Najibullah Haqqani, alle telecomunicazioni, e Khalil Haqqani, al ministero dei rifugiati e del rimpatrio. Lo stesso primo ministro designato, il mullah Mohammad Hassan Akhund, è nella lista dei terroristi delle Nazioni Unite.

La presenza di soggetti direttamente collegati al terrorismo pone una questione di fondo che la Comunità internazionale dovrà risolvere nei rapporti con i nuovi padroni dell’Afghanistan: riconoscimento, dialogo o mera interlocuzione. Un problema che, al di là degli effetti pratici, avrà dirette conseguenze sul piano del diritto poiché, nel caso in cui un governo straniero riconoscesse il governo talebano, di fatto (e di diritto) sosterrebbe il terrorismo. Un aspetto di cui tenere conto in termini di relazioni diplomatiche, sebbene il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti – che in una dichiarazione ha espresso preoccupazione per il fatto che il governo includa solo talebani, nessuna donna e personalità con precedenti preoccupanti riconducibili al terrorismo – abbia affermato che la nuova amministrazione sarà giudicata dalle azioni. Dunque una potenziale, quanto pericolosa, apertura.

ELENCO DEL GOVERNO PROVVISORIO DELL’EMIRATO ISLAMICO DELL’AFGHANISTAN

PRIMO MINISTRO ad interim: Mullah Muhammad Hassan Akhand (Pashtun)

Primo Vice Primo Ministro: Mullah Baradar Akhand (Pashtun)

Secondo Vice Primo Ministro: Mawlawi Abdel Salam Hanafi (Uzbeko)

MINISTERO DEGLI INTERNI

Ministro degli Interni ad interim: Mullah Sirajuddin Haqqani (Pashtun)

Sottosegretario al Ministero degli Interni: Mawlawi Nour Jalal (Pashtun)

Sottosegretario del Ministero dell’Interno per il controllo della droga: Mullah Abdul Haq Akhand (Pashtun)

MINISTERO DELLA DIFESA

Ministro della Difesa facente funzione: Mullah Muhammad Yaqoub Mujahid (Pashtun)

Sottosegretario al Ministero della Difesa: Mullah Muhammad Fadel Mazloum (Pashtun)

Capo di Stato Maggiore: Qari Fasihuddin (Tagiko)

MINISTERO DEGLI ESTERI

Ministro degli Esteri ad interim: Amir Khan Mottaki (Pashtun)

Sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri: Sher Muhammad Abbas Stanikzai (già capo Ufficio politico talebano a Doha) (Pashtun)

MINISTERO DELL’INTELLIGENCE

Ministro ad interim dell’intelligence: Najibullah Haqqani (Pashtun)

Capo facente funzione della Presidenza dell’Intelligence Generale: Mullah Abdul Haq Watheq (Pashtun)

Primo Vice Presidente Generale dell’Intelligence: Mullah Taj Mir Jawad  (Pashtun)

Vice Amministrativo della Presidenza Generale dell’Intelligence: Mullah Rahmatullah Najib (Pashtun)

MINISTERO DELLE FINANZE

Ministro delle finanze ad interim: Mullah Hedayatullah Badri (Pashtun)

MINISTERO DELLA CULTURA

Ministro ad interim della Cultura e dell’Informazione: Mullah Khairallah Khairkhwa (Pashtun)

Sottosegretario al Ministero della Cultura e dell’Informazione: Zabihullah Mujahid (Pashtun)

MINISTERO DEL’ISTRUZIONE

Ministro dell’istruzione superiore: Abdul Baqi Haqqani (Pashtun)

MINISTERO DELL’ECONOMIA

Vice Ministro dell’Economia: Qari Din Muhammad Hanif (Tagiko)

Capo ad interim degli affari amministrativi: Ahmad Jan Ahmadi (Pashtun)

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

Vice Ministro della Giustizia: Mawlawi Abd al-Hakim Sharia (Pashtun)

ALTRI MINISTERI E CARICHE ISTITUZIONALI

Ministro ad interim dei minerali e del petrolio: Mullah Muhammad Issa Akhund (Pashtun)

Ministro ad interim dell’acqua e dell’elettricità: Mullah Abdul Latif Mansour (Pashtun)

Ministro ad interim delle telecomunicazioni: Najibullah Haqqani (Pashtun)

Ministro ad interim delle tribù e dei confini: Noorullah Nouri (Pashtun)

Ministro ad interim dell’estensione del villaggio: Yunus Akhundzadeh (Pashtun)

Ministro ad interim per i migranti: Khalil Rahman Haqqani (Pashtun)

Ministro ad interim del benessere pubblico: Mullah Abdulmanan Omari (Pashtun)

Presidente ad interim della Banca centrale: Haji Muhammad Idris (Pashtun)




There are no comments

Add yours